ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Slitta l'accordo di associazione Ucraina-Ue

Lettura in corso:

Slitta l'accordo di associazione Ucraina-Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

Le sorti di Yulia Tymoshenko si frappongono tra Kiev e Bruxelles. L’accordo di associazione che avrebbe dovuto coronare il vertice Ucraina-Unione europea è pronto, ma Bruxelles per il momento non lo firma. Troppi i sospetti che la giustizia ucraina sia asservita alla politica.

Il presidente della Commissione europea Barroso gioca la carta della mediazione: “L’Ucraina fa progressi – dice – e noi collaboriamo affinché consolidi le riforme, ecco perchè siamo qui, per incoraggiarla e permetterle di rafforzare le istituzioni di uno stato di diritto”.

Dopo quattro anni di preparazione, il vertice avrebbe dovuto segnare l’inizio di una nuova relazione strategica tra l’Unione e questa ex repubblica sovietica, decisa a seguire la strada dell’integrazione europea, pur mantenendo solidi legami con Mosca.

“L’Ucraina ha interesse a mantenere un certo equilibrio nelle relazioni con l’Unione europea e la Russia”, sostiene Volodymyr Fesenko, analista del centro di studi politici Penta, che aggiunge: “Per Kiev la priorità adesso è l’integrazione europea. Anche gli interessi energetici spingono in questa direzione. L’Ucraina spera che l’Europa sia sua alleata nei contenziosi del gas con la Russia”.

A far slittare la firma dell’accordo, la vicenda processuale che coinvolge la leader dell’opposizione ucraina, Tymoshenko, condannata a sette anni di carcere per abuso di potere.

Sergio Cantone, euronews: “L’impressione è sempre più evidente, che siano gli interessi energetici a dettare l’agenda politico-giudiziaria dell’Ucraina, fino ad arrivare a un punto di rottura con l’Unione europea”.