ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Osservatori in Siria, l'opposizione non ci crede

Lettura in corso:

Osservatori in Siria, l'opposizione non ci crede

Dimensioni di testo Aa Aa

L’opposizione siriana non crede all’impegno del governo di Damasco di accettare osservatori internazionali. Sarebbe soltanto una manovra per guadagnare tempo, senza una reale intenzione di accettare il piano della Lega araba che punta a far uscire il Paese dalla crisi.

“Il nostro obiettivo – dice Borhane Ghalioun, presidente del Consiglio nazionale siriano – è di fermare la violenza e proteggere i civili. Il modo per arrivare a questo sarà discusso con le Nazioni unite, la Lega araba, i nostri alleati e i nostri amici”.

Le proteste sul terreno continuano e continua la repressione. Nella sola giornata di lunedì ci sarebbero stati almeno 13 morti.