ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Corea del Nord: vicini inquieti tra lutto e festa


mondo

Corea del Nord: vicini inquieti tra lutto e festa

Tra vicini di casa non sempre regna la pace. E la Corea del Nord è un vicino parecchio ingombrante, per Tokyo. Che però, nonostante le controversie aperte dai tempi della Guerra fredda, non ha mancato di presentare le sue condoglianze.

Il che non ha impedito al primo ministro giapponese, Yoshihiko Noda, di puntualizzare: “Dobbiamo fare in modo che questo evento improvviso non pregiudichi la pace e la stabilità nella penisola coreana”.

Condoglianze molto più sentite sono arrivate invece dall’alleato storico nella regione, la Cina. All’ambasciata nordcoreana in molti hanno portato fiori.

Il portavoce del ministero degli esteri cinese Liu Weimin ha auspicato il proseguimento e il prosperare dell’alleanza: “Cina e Corea del Nord si adopereranno per continuare a contribuire al consolidamento e allo sviluppo della tradizionale amicizia tra i nostri due partiti, governi e popoli, e per preservare la pace e la stabilità nella penisola coreana e nella regione”.

Penisola coreana dove Nord e Sud sono formalmente ancora in guerra, da più di mezzo secolo. Ma a Seul, per ora, si pensa solo a far festa. O almeno, è quel che fa un pugno di militanti conservatori.

Uno degli organizzatori spiega: “Siamo felici della della morte di Kim Jong-il, che ha fatto morire di fame molti nordcoreani, ed era il principale criminale che affondò la nave Cheonan e bombardò l’isola di Yeonpyeong. Ci siamo radunati qui per festeggiare l’evento”.

È ancora presto, però, per sapere se il cambio di leadership al Nord sia o no una buona notizia per i vicini del Sud.

Prossimo Articolo

mondo

Kim è morto, viva Kim