ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia: un anno fa il sacrificio che diede origine alla primavera araba

Lettura in corso:

Tunisia: un anno fa il sacrificio che diede origine alla primavera araba

Dimensioni di testo Aa Aa

Il 17 dicembre di un anno fa un giovane ambulante, Mohammed Buazizi, si dava fuoco a Sidi Buzid, in Tunisia, per protesta contro la polizia che gli aveva confiscato il carretto di frutta e verdura senza licenza.

Poche ore dopo il suo gesto estremo, il giovane suicida diventerà la miccia della primavera araba: il risveglio di una generazione povera, senza lavoro e oppressa, che dilagherà a Tunisia, Egitto, Libia, Siria, Yemen e Barhein.

Ben Ali, dopo vani tentativi di riprendere in mano le redini del Paese, il 14 gennaio fuggirà sotto le pressioni della piazza.

Le sue residenze fiabesche verranno ora messe in vendita, ha annunciato ieri il neo-presidente Moncef Marzuki, ex prigioniero politico di Ben Ali. I ricavi andranno alla lotta contro l’alto tasso di disoccupazione di un Paese che, con vertici freschi di nomina, ha cominciato il suo percorso di ricostruzione.