ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Occhio al laser

Lettura in corso:

Occhio al laser

Dimensioni di testo Aa Aa

David Pureur, manager di Quantel

“Lavoriamo su una nuova generazione di Laser basata sulla fibra ottica, che genera una buona qualità di fasci laser, di grande potenza e molto più semplici da usare e trasportare”.

La tecnologia laser è utilizzata ovunque, dai pc portatili ai satelliti.

La potenza e la natura compatta delle fibre laser le rende uniche per l’industria e la società francese Quantel fa ricerca per tutta una serie di nuove applicazioni.

Mathieu Jacquemet, ingegnere di fibre ottiche: “Stiamo sviluppando un laser nel visibile, i cui colori vanno dal verde al giallo fino al rosso, di grande potenza, per un’applicazione medica”.

Le fibre laser colorate qui nel centro di Brittany fanno progressi.

David Pureur:

“Lavoriamo nel settore ottico, correzione della retina precisamente.

Abbiamo bisogno di colori per penetrare l’occhio e di potenza per il processo di fotocoagulazione per correggere i difetti della retina”.

Trovare il giusto colore della lunghezza d’onda è solo una tappa, i ricercatori devono combinare potenza e un fascio di luce concentrato.

Mathieu Jacquemet:

“All’interno ci sono diverse componenti chiave.

Il primo è questo tipo di laser, il secondo è la fibra ottica.

Per trasformare la luce infrarossa del laser a fibra ottica in un fascio di luce visibile, puntiamo il laser su questi cristalli non lineari che ci permettono di trasformare la luce infrarossa del laser in luce visibile”.

Quantel collabora insiema altri partner a un porgetto europeo.

David Pureur:

“Nel progetto ci sono persone che sviluppano componenti come le fibre ottiche o cristalli particolari, pumping laser.

L’interesse è di lavorare sull’intera catena integrata di modo che noi, Quantel, che assembliamo questi elementi, siamo in grado di fare meglio rispetto ai nostri concorrenti.

Oggi una piccola fibra ha una potenza pari a decine di migliaia di watts, e sicuramente migliorerà la sua potenza!”.

Quantel website

LIFT project website