ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: proteste Bengasi contro Cnt

Lettura in corso:

Libia: proteste Bengasi contro Cnt

Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto comincia da Bengasi. Migliaia di persone sono scese in piazza nella città libica che diede l’avvio alla rivolta contro Gheddafi. Ieri lo slogan era abbasso il nuovo regime. E’ la prima volta, dalla caduta del regime e dalla morte del Colonnello, che il Consiglio Nazionale di Transizione libico viene apertamente contestato.

“Vogliamo mandare un messaggio al Presidente del Cnt Mustafa Abdel Jalil: ci lasci liberi! Se non è in grado di aiutarci, lasci la possibilità a qualcun altro di dare risposta alle nostre richieste. Abbiamo bisogno di un Presidente che aiuti il Paese”.

Abdel Jalil, capo del Cnt, già ministro di Gheddafi, è criticato per la gestione opaca dell’organismo che guida di fatto il Paese e che, entro 6 mesi, dovrebbe portarlo alle elezioni con la promessa che i suoi attuali esponenti non si candidino.

Intanto le tensioni e gli scontri sul territorio libico evidenziano la mancanza di sicurezza e l’instabilità della situazione. A Sud di Tripoli, nella provincia di Zintan, scontri tra fazioni rivali hanno causato la morte di almeno 4 persone.