ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caccia al nero a Firenze. E il web parla di "Breijvik" italiano

Lettura in corso:

Caccia al nero a Firenze. E il web parla di "Breijvik" italiano

Caccia al nero a Firenze. E il web parla di "Breijvik" italiano
Dimensioni di testo Aa Aa

Firenze piange, Napolitano condanna e sul web c‘è già chi traccia paragoni col massacro in Norvegia. Il bilancio è più lieve, ma la follia omicida avvicina in modo sinistro il giustiziere di Oslo con quello dei senegalesi.

Due uccisi e tre feriti, di cui uno gravemente, in tre ore appena. Una caccia al nero iniziata al mercato di Rifredi e terminata con il suicidio del killer, assediato dai carabinieri, dopo l’ultimo raid fra i banchi di quello centralissimo di San Lorenzo.

Cinquant’anni e una vita solitaria, Gianluca Casseri era vicino agli ambienti dell’estrema destra. Perfetto sconosciuto per la comunità senegalese che è subito scesa in piazza per gridare la sua indignazione, era però noto ai cultori del genere per aver firmato un fantasy esoterico, imbevuto di miti celtici e teorie del complotto.

“Noi chiediamo un po’ d’attenzione e un po’ di giustizia – dice uno dei senegalesi in piazza -. Perché queste cose non devono succedere, perlomeno siamo qui per integrarci, non per essere scartati”.

Al grido di “vergogna” scandito dai manifestanti si è unito il presidente Napolitano, che ha parlato di “barbaro assassinio” e di “ripudio di qualsiasi manifestazione violenta di razzismo e xenofobia”.