ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Transdniestria oggi al voto, per un presidente non riconosciuto

Lettura in corso:

Transdniestria oggi al voto, per un presidente non riconosciuto

Transdniestria oggi al voto, per un presidente non riconosciuto
Dimensioni di testo Aa Aa

La Transdniestria va al voto, con qualche dubbio: il presidente di sempre, Igor Smirnov, al potere nella repubblica secessionista dal 1992, verrà probabilmente rieletto, ma l’incognita deriva dall’apparente perdita dell’appoggio russo. E qui, al rapporto con Mosca, ci tengono tutti: la regione è popolata da russofoni, che non vogliono riconoscersi parte della madrepatria ufficiale, la Moldova. Con chi vogliono stare, appare chiaro:

“Con la Russia, perché è uno Stato più solido della Moldova”, risponde una passante, e un signore si dimostra anche piuttosto nostalgico:

“Prima della Perestrojka, ai tempi di Breznev si stava bene. Sto con la Russia, ovviamente”.

I 500.000 abitanti russofoni al di là del fiume Dniestr hanno poco da spartire con il resto della popolazione moldovara, di lingua rumena. Come sottolinea Sergey Panov, un pittore:

“Questa non è terra rumena, almeno al di quà del Dniestr: è terra slava, e i popoli slavi si governano da soli. Dall’altra parte c‘è la Bessarabia, con la sua storia diversa dalla nostra”.

Queste elezioni non sono riconosciute dalla Moldova né dalla comunità internazionale: la Russia, che ha sempre appoggiato le rivendicazioni della Transdniestria, cerca ora una via per il dialogo, e in queste elezioni appoggia un candidato ritenuto più moderato del presidente uscente.