ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Lione la Fête des Lumières. La città presa d'assalto dai turisti

Lettura in corso:

A Lione la Fête des Lumières. La città presa d'assalto dai turisti

Dimensioni di testo Aa Aa

Dal cielo alla terra. Lampi artificiali che illuminano Lione. La basilica di Fourvière risplende come se fosse pieno giorno. La città francese, fino all’11 dicembre, ospita i quattro giorni della Fête des Lumières, la Festa delle Luci.

Anche quest’anno il centro di Lione si trasforma in un immenso set en plein air. Luci, suoni e colori delle installazioni animano monumenti, chiese, palazzi e strade.

Almeno tre milioni i turisti attesi in questo ponte dell’Immacolata per l’evento che va in scena da più di dieci anni, rinnovandosi ogni volta.

Le origini della festa risalgono al 1643 quando, si racconta, la Vergine salvò i lionesi dalla peste. Da allora i fedeli, l’otto dicembre, mettono candele alla finestre per rendere omaggio a Maria.

I lumini però nel tempo sono stati sostituiti da proiettori, amplificatori e tecnologie moderne e la festa religiosa è diventata un business per Lione: i commercianti prevedono di moltiplicare per quattro volte il loro giro d’affari, mentre alberghi e ristoranti registrano il tutto esaurito.