ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pressione di S&P su Eurozona e fondo salva stati

Lettura in corso:

Pressione di S&P su Eurozona e fondo salva stati

Dimensioni di testo Aa Aa

Continua il botta e risposta tra agenzie di rating ed Europa.

Standard & Poors ha messo sotto osservazione anche il fondo europeo di stabilità finanziaria.

Potrebbe perdere la tripla A se uno dei suoi garanti subisse un declassamento, come minacciato in precedenza dall’agenzia; 15 stati sotto sorveglianza, a rischio ribasso i paesi virtuosi dell’Eurozona: Austria, Finlandia, Francia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi.

Obiettivo dichiarato di Standard & Poors: fare pressione a ridosso dell’eurosummit di venerdì.

E, per Parigi e Berlino, l’occasione per spingere verso un rafforzamento della governance economica comune e la revisione dei trattati.

“L’avvertimento di S&P non si basa su reali dati economici dei paesi tripla A”, commenta il ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, “ma sull’insicurezza nei mercati finanziari riguardo alla zona euro nel suo complesso. In questo senso, leggiamo questa valutazione come ulteriore sprone a fare il possibile per raggiungere buoni risultati il 9 dicembre”.

Verso un’unione economica reale e più forte è anche l’auspicio contenuto nel rapporto preliminare trasmesso ai 27 dal presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, in vista del summit salva euro di Bruxelles.