ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nel mirino di S&P, l'Eurozona serra i ranghi

Lettura in corso:

Nel mirino di S&P, l'Eurozona serra i ranghi

Dimensioni di testo Aa Aa

“Continueremo sul cammino delle riforme e verso la stabilizzazione della zona euro”.

Angela Merkel risponde così all’avvertimento di Standard & Poors che ha messo sotto esame il rating di 15 paesi dell’Eurozona.

In pericolo le triple A di sei stati. Il possibile ribasso potrebbe intervenire da qui a 90 giorni, in ragione del peggioramento della crisi del debito.

“L’annuncio della messa sotto sorveglianza della zona euro non integra le proposte franco-tedesche”, commenta il ministro delle finanze francese, François Baroin, “Dunque questa settimana è cruciale: dalla qualità, dall’importanza e dalla forza dell’accordo al vertice europeo di venerdì dipenderà l’evoluzione della valutazione, per la Francia come per gli altri”.

Obiettivo dichiarato di S&P è proprio fare pressione in vista del summit salva-euro.

Per Parigi, nel mirino c‘è tutta la zona euro. Ma è la capitale francese a rischiare di più, con un ribasso di due punti. Per gli altri virtuosi europei, Austria, Finlandia, Germania, Lussemburgo e Olanda, a repentaglio c‘è solo una A.

La mossa dell’agenzia statuninense potrebbe però giocare a favore di Angela Merkel e Nicolas Sarkozy, che a Bruxelles intendono spingere per il rafforzamento della governance economica europea e per una riforma dei trattati entro marzo.