ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda: aumento delle tasse per 1,6 mld di euro

Lettura in corso:

Irlanda: aumento delle tasse per 1,6 mld di euro

Dimensioni di testo Aa Aa

In Irlanda prosegue il dibattito in parlamento sulle nuove misure di austerità. Il ministro delle Finanze annuncia l’incremento delle tasse, tra cui quella sui redditi da capitale, per un miliardo e 600 milioni di euro. Viene aumentata di due punti l’Iva.

Ieri il governo di coalizione aveva presentato la prima parte del budget, con tagli al settore sociale e a quello dell’istruzione. In totale la manovra dovrebbe recuperare 3 miliardi e 800 milioni di euro, per ridurre il deficit pubblico pari al 32 per cento del pil.

“Mi piacerebbe poter dire che il bilancio non avrà un impatto sui i cittadini in difficoltà, ma non posso”, aveva detto domenica il primo ministro Enda Kenny. “Le scelte ardue non sono mai facili, ma investiremo in settori cruciali, come l’ospedale pediatrico nazionale, la costruzione di scuole e di centri sanitari”.

Primo Paese del Vecchio Continente a essere salvato dall’Unione europea e dall’FMI, è entrato in seria difficoltà con lo scoppio della bolla immobiliare, settore che aveva fatto dell’Irlanda la “Tigre celtica”.

Le reazioni di alcuni abitanti di Dublino:

“La gente sta attraversando tempi duri, molta gente ha comprato casa, come me e mia moglie e ora è colpita dalla svalutazione del mercato immobiliare”, dice un residente. “Paghiamo un mutuo più alto di quello che avremmo dovuto pagare. I prezzi dei beni sono a livelli assurdi”.

“Le misure di austerità hanno colpito molto forte, è una situazione molto drammatica e drastica”, afferma un’altra abitante della capitale. “Siamo passati dal boom, da circa 15 anni di economia prospera, in espansione, a un improvviso collasso economico totale”.

“Non credo che saremo in difficoltà per molto altro tempo, credo che la situazione migliorerà”, dice una studentessa. “Io sono al primo anno e spero che quando avrò finito, le cose andranno meglio”.

Il cammino dell’Irlanda verso la ripresa è ancora lungo e potrebbe essere più complicato se non si troverà una soluzione alla crisi nell’intera Europa.