ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il rigore svuota le tasche dei greci

Lettura in corso:

Il rigore svuota le tasche dei greci

Dimensioni di testo Aa Aa

Terzo anno consecutivo di rigore, la nuova finanziaria prevede tagli agli stipendi, aumento delle tasse e un ricorso più imponente alla cassa integrazione.

I greci hanno visto un brutale degradamento del proprio livello di vita.

Tutti i settori sono coinvolti anche quello alimentare.

“Devi farti i conti di continuo i conti in tasca, una cosa che avresti comprato a 1.20 0 1.80 euro adesso ti costa il doppio, fai la spesa in base ai soldi che hai”.

In questo contesto un libro di articoli del periodo della seconda guerra mondiale, quando i greci pativano la fame, è stato ripubblicato, dopo l’enorme successo dell’anno scorso.

Eleni Nikolaidou, storica:

“Le ricette di sopravvivenza riuscirono a salvare gli ateniesi, e potrebbero essere utili anche adesso, soprattutto per i più poveri, per i lavoratori che hanno difficoltà a far tornare i conti”.

L’austerità fa il suo ingresso anche in cucina, come spiega questo chef, che dopo aver scritto libri di successo, oggi trae ispirazione dai piatti più poveri.

F.T. Bletsas:

“I supermercati sono pieni di ogni bendidio ma la gente non può permetterseli, bisogna essere parsimoniosi. Si torna così a mangiare come si faceva sotto la guerra, ritornano i fagioli e le farine integrali”.

Che il malato Grecia sia grave ce lo dice anche il rapporto sul commercio pubblicato ieri, in due anni 60 mila piccole imprese e negozi hanno chiuso i battenti:

Vasilis Korkidis, Presidente of the national confederation of greek commerce

“Il rapporto sarà mandato alle autorità europee cosî potranno vedere che cosa ci hanno fatto; l’altro giorno la signora Merkel ha definito la crisi dell’euro come una maratona. Nel nostro caso, i nostri amici europei ci hanno fatto correre sei maratone”.

Il 2012 non s’annuncia migliore, è prevista la chiusura di altri 60 mila esercizi commerciali.