ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Laurent Gbagbo davanti ai giudici dell'Aja

Lettura in corso:

Laurent Gbagbo davanti ai giudici dell'Aja

Dimensioni di testo Aa Aa

Per la prima volta davanti ai giudici dell’Aja, Laurent Gbagbo denuncia le condizioni del suo arresto.

L’ex presidente della Costa d’Avorio, 66 anni, deve rispondere di crimini contro l’umanità commessi durante la guerra civile. Un conflitto scatenato anche dal suo rifiuto di cedere il potere al vincitore delle presidenziali del 2010, Alassane Ouattara, che a suo avviso ha ricevuto l’aiuto determinante della Francia:

“Queste le condizioni del mio arresto: è stato l’esercito francese a fare il lavoro e a consegnarci alle forze di Alassane Ouattara, che non erano ancora le forze regolari della Costa d’Avorio”.

Primo capo di stato a comparire davanti alla Corte penale internazionale dalla sua creazione, Gbabo fu catturato in aprile e tradotto all’Aja il 30 novembre scorso. Sarebbe responsabile indiretto di diversi crimini, tra cui omicidi, violenze sessuali e persecuzioni.

L’udienza preliminare interviene a ridosso delle legislative dell’11 dicembre che dovrebbero consentire alla Costa d’Avorio di voltare pagina, dopo 3 mila morti e un milione di sfollati.