ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni in Russia: hackerati siti web indipendenti

Lettura in corso:

Elezioni in Russia: hackerati siti web indipendenti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’opposizione russa parla di elezioni farsa inquinate da brogli. Diverse manifestazioni hanno caratterizzato le ore successive al voto per il rinnovo della Duma.

Sono 260, secondo il bilancio della polizia, le persone fermate a Mosca per dimostrazioni di protesta.

Stesse scene anche a San Pietroburgo, con circa 70 persone trattenute dalle forze dell’ordine.

Le varie anime dell’opposizione hanno organizzato un raduno per stasera, mentre il leader comunista Ziuganov ha chiamato i suoi a scendere in piazza contro quelli che ha definito brogli massicci.

Numerosi siti indipendenti sono stati, inoltre, obiettivo di hacker: come quello dell’organizzazione Golos, bloccato dopo aver pubblicato la Mappa delle violazioni che documentano le irregolarità elettorali. Golos ha denunciato l’esistenza di pacchetti di schede, con voto a favore di Russia Unita, pronte sulle scrivanie degli assessori di San Pietroburgo.

Il sito d’informazione Gazeta ha avuto continui problemi d’accesso e gran parte degli indirizzi mail degli osservatori internazionali hanno subito attacchi.