ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le violazioni siriane potrebbero finire davanti alla Corte Criminale Internazionale

Lettura in corso:

Le violazioni siriane potrebbero finire davanti alla Corte Criminale Internazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuove pressioni perché il Consiglio sicurezza dell’Onu invii un segnale chiaro e forte contro la repressione in Siria.

Si attende la reazione del palazzo di vetro dopo la risoluzione adottata a Ginevra dall’Agenzia dell’Onu per i Diritti Umani. I 47 membri dell’organismo, inclusi i cinque paesi arabi, hanno votato a larga maggioranza per il documento, riconoscendo “enormi e sistematiche violazioni”. Hanno votato contro quattro paesi, tra cui Russia e Cina, che intendono far pesare il proprio veto al Consiglio di Sicurezza. L’ambasciatrice americana:

“Se il Consiglio di sicurezza sceglierà di riportare il caso alla Corte Criminale Internazionale, posso dire che il rapporto della commissione di inchiesta fornisce prove sufficenti per giustificare quella decisione”.

A nulla sono servite finora le sanzioni adottate contro Damasco per fermare le violenze. La responsabile dell’Agenzia dell’Onu per i diritti umani, Navi Pillay, ha parlato di 4 mila morti dall’inizo delle manifestazioni, chiedendo un’azione urgente per proteggere i civili in Siria.