ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: primi risultati danno Fratelli Musulmani e salafiti in testa

Lettura in corso:

Egitto: primi risultati danno Fratelli Musulmani e salafiti in testa

Dimensioni di testo Aa Aa

Fratelli Musulmani e salafiti dominano il voto in Egitto, dove i risultati delle prime elezioni post-Mubarak arrivano con il contagocce, ma sembrano confermare la vittoria dei partiti islamisti. Gli egiziani di piazza Tahrir attendono vigili: “Non siamo sicuri che queste elezioni porteranno alla nascita di un parlamento democratico a causa dei candidati che hanno vinto – dice un egiziano -. Hanno comunque vinto. Di certo si teme che gli islamisti diano vita a un parlamento non del tutto democratico”.

Secondo la commissione elettorale ha votato più del 60 percento degli aventi diritto. Per alcuni elettori, comunque, si tratta di un passo importante: “Ognuno ha i propri orientamenti politici – dice un altro egiziano -. Qualcuno vuole l’Islam, altri i copti, questa è libertà e una vera democrazia, inesistente per lungo tempo”.

Non sono solo i manifestanti di piazza Tahrir a guardare al voto in Egitto, ma il mondo intero. Preoccupazione suscita il successo a sorpresa ottenuto dagli ultraconservatori salafiti di al Nour, che hanno già rassicurato sul rapporto con i cristiani.

Dal canto loro, i Fratelli Musulmani di Giustizia e Libertà – che i risultati parziali danno come prima forza politica – hanno ribadito che dalle urne uscirà una maggioranza che punterà a creare un governo di coalizione aperto a forze non solo islamiste.

Ancora da decifrare il ruolo delle donne in queste elezioni, per ora nessuna candidata ce l’avrebbe fatta. La lunga tornata elettorale iniziata lunedì e martedì con una parte dei governatorati egiziani si concluderà a gennaio.