ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, per l'Onu è quasi guerra civile. Oltre 4000 le vittime della repressione

Lettura in corso:

Siria, per l'Onu è quasi guerra civile. Oltre 4000 le vittime della repressione

Siria, per l'Onu è quasi guerra civile. Oltre 4000 le vittime della repressione
Dimensioni di testo Aa Aa

Cresce l’inquietudine nella comunità internazionale per la situazione in Siria. Le Nazioni Unite parlano di un paese sull’orlo della guerra civile, e indicano in almeno 4000 le persone uccise dall’inizio delle proteste contro il regime di Bashar al-Assad.

L’Alto commissario per i Diritti Umani, Navi Pillay, non ha cercato perifrasi: “Avevo già previsto che aumentando il numero di chi diserta, sarebbe cresciuto anche il numero di persone disposte a usare le armi, portando con ciò il paese alla guerra civile. E’ così che definisco questa situazione”.

Scoppiata a marzo scorso, la rivolta non accenna a diminuire di potenza. Rare immagini professionali sono state girate da una tv francese, che ha seguito un gruppo di giovani.

“Ogni giorno rischiamo la vita. Ogni giorno ci sparano addosso. Hanno appena ucciso uno dei miei compagni”, spiega uno di loro.

Alle proteste partecipa anche il calciatore più popolare di Siria, ormai finito sulla lista nera del regime. “Non è negli stadi, la partita da vincere, ma qui, contro un governo criminale e corrotto”, ha detto alla folla.