ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Espulsi, i diplomatici iraniani lasciano Londra

Lettura in corso:

Espulsi, i diplomatici iraniani lasciano Londra

Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti i diplomatici iraniani hanno lasciato Londra, espulsi dal governo britannico dopo il saccheggio dell’ambasciata di Teheran. In occasione della loro partenza, un gruppo di oppositori iraniani ha dato vita a una manifestazione contro il regime della repubblica islamica.

La chiusura dell’ambasciata e del consolato si tradurrà in una serie di disagi per gli iraniani che vivono nel Regno Unito e che hanno bisogno di visti e documenti per loro e i loro parenti.

“Nessuno sa – dice il corrispondente di euronews da Londra Ali Sheikholeslami – per quanto tempo durerà la rottura dei rapporti diplomatici e se i servizi consolari potranno riprendere a Londra o a teheran. Per la gran parte degli iraniani che vivono qui, è un nuovo problema di cui avrebbero volentieri fatto a meno”.

Martedì scorso, una folla di manifestanti ha assaltato l’ambasciata britannica a Teheran, mettendo in pericolo l’incolumità del personale diplomatico, poi richiamato dalle autorità di Londra.

“L’Iran – dice l’ambasciatore britannico a Teheran Dominick Chilcott – non è il Paese dove i dimostranti possono riunirsi spontaneamente per attaccare un’ambasciata straniera. Un’attività del genere può essere intrapresa solo con l’acquiescenza e il supporto dello Stato”.

L’assalto all’ambasciata era avvenuto in seguito all’annuncio dell’adozione da parte del Regno Unito di ulteriori sanzioni economiche nei confronti della Repubblica islamica.