ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio: primo esame per governo Di Rupo, 50 mila in piazza

Lettura in corso:

Belgio: primo esame per governo Di Rupo, 50 mila in piazza

Dimensioni di testo Aa Aa

Il nuovo governo belga di Elio Di Rupo avrà come priorità quella di far fronte alla crisi del debito. 50 mila lavoratori sono scesi in piazza a Bruxelles per rispedire al mittente il conto delle misure di austerità.

Per i sindacati i tagli annunciati di recente dai sei partiti che sosterranno l’esecutivo sono eccessivi.

“Siamo felici di avere un nuovo governo ed è un sollievo – sostiene Steven Marchand del sindacato socialista Abvv – ma allo stesso tempo non siamo convinti che le misure proposte siano le più socialmente accettabili”.

L’obiettivo del Belgio è quello di risparmiare 11,3 miliardi di euro nel 2012 e riportare il deficit di bilancio sotto il 3% del Pil.

“Noi lavoratori siamo arrivati a un punto in cui dobbiamo pensare alla nostra fetta di torta – dice un giovane lavoratore – Sta diventando inconcepibile, perché lavorando entrambi, marito e moglie, non si guadagna abbastanza con uno stipendio medio di 1500 euro”.

“Cosa faccio qui? È abbastanza, abbiamo dato abbastanza – spiega un operaio matalmeccanico di Liegi – Abbiamo pagato per il nostro lavoro, abbiamo pagato per tutto il resto”.

La manifestazione belga arriva all’indomani di uno sciopero generale in Grecia, due giorni dopo lo sciopero dei dipendenti pubblici britannici contro la riforma delle pensioni e una settimana dopo le imponenti proteste di piazza contro le misure di austerità in Portogallo.

I nemici sono sempre gli stessi, gli istituti bancari addidati come i veri responsabili della crisi.