ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fondo salva-Stati e ruolo Bce al centro dell'Ecofin

Lettura in corso:

Fondo salva-Stati e ruolo Bce al centro dell'Ecofin

Dimensioni di testo Aa Aa

Dieci giorni cruciali per salvare la zona euro. Dopo la fiducia all’Italia e l’accordo sul potenziamento del fondo salvastati durante l’eurogruppo, oggi a Bruxelles è la volta dell’Ecofin, la riunione dei ministri delle Finanze dei 27.

Il fondo di stabilità garantirà il 20-30 per cento delle nuove emissioni di titoli pubblici. Concessa ache la sesta tranche del primo piano di aiuti alla Grecia. I Paesi europei sono invece ancora divisi sul ruolo della BCE. Secondo il commissario agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, si apre un periodo di dieci giorni in cui l’Unione deve trovare una risposta alla crisi.

“Dobbiamo continuare a lavorare in particolare su due fronti”, dice Rehn, “la garanzia di sistemi di protezione sufficientemente credibili in grado di contenere le turbolenze del mercato e il rafforzamento della nostra governance economica”.

In agenda l’intervento della Banca centrale europea. Visto che il suo statuto le impedisce di finanziare direttamente i Paesi, si rafforza l’idea di un suo contributo all’FMI che poi presterebbe denaro a Paesi come Italia e Spagna. Per la Svezia è necessario allo stesso tempo una maggiore disciplina.

“Occorre un significativo consolidamento fiscale in Italia e in Spagna”, afferma il ministro delle Finanze svedese Anders Borg, “ora abbiamo una finestra di opportunità, ossia abbiamo due governi nuovi, questi devono rimuovere tutti gli scheletri e capire che il mercato non concede tempo per lune di miele. Se ciò avviene, allora il vertice dei capi di Stato di inizio dicembre comincerà col piede giusto perché avremmo più credibilità sui mercati”.

Andrei Beketov, euronews:

“L’Europa non riesce a trovare il denaro sufficiente per aiutare i Paesi in difficoltà. I ministri studieranno le statistiche, alla ricerca di qualche segno di crescita. Ma le decisioni principali saranno prese la prossima settimana al vertice dei capi di Stato e di governo”.