ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Met, e sui grandi schermi, Renée Fleming nella Rodelinda di Handel

Lettura in corso:

Al Met, e sui grandi schermi, Renée Fleming nella Rodelinda di Handel

Dimensioni di testo Aa Aa

Le mille luci di New York si accendono anche sulla produzione di Rodelinda, l’opera di Handel datata 1725 messa in scena in questi giorni al Metropolitan Opera e proiettata sui grandi schermi di tutto il mondo. Protagonista assoluta il soprano americano Renée Fleming.

“Rodelinda, ci dice, è molto diversa dalle tipiche eroine dell’opera, che spesso sono delle vittime, belle e giovani… all’inizio è davvero nei guai, è sopraffatta dal dolore, piange la presunta scomparsa del marito, ha un figlio… ma è anche una donna coraggiosa, e intelligente – non è la semplice ingenue che noi soprani di solito interpretiamo!”

In questa vicenda di intrighi politico romantici, Rodelinda, eroina ardita e coraggiosa, accetta di sposare l’usurpatore al trono a patto che questi uccida davanti a lei il proprio figlioletto: per lei sarebbe inconciliabile essere al contempo sposa del tiranno e madre del legittimo erede al trono.

“Quel che mi piace di Handel è che la musica è ricca di emozioni senza essere troppo densa – c‘è una trasparenza, e una semplicità di mezzi… e poi la qualità della strumentazione, gli archi, il clavicembalo… e l’improvvisazione, altro elemento che mi affascina… e poi è un’opera intima. Per cui tanti elementi, insieme, che apprezzo, e che in più esprimono con verità quello che significa essere un essere umano.

“Un’altra caratteristica, abbastanza atipica, di quest’opera è che i personaggi all’inizio vivono una situazione tragica ma la conclusione è invece positiva, e questo succede in pochissime opere.

“La prima volta che ho cantato quest’opera qui al Met ci sono state persone che mi hanno scritto dicendomi di essere rimaste un po’ deluse: la gente viene all’opera per farsi un bel pianto catartico, cosa possibile in Rodelinda, ma non alla fine.”

È possibile visionare alcuni momenti della nostra intervista (in inglese) a Harry Bicket, direttore d’orchestra britannico, e al soprano americano Renée Fleming, cliccando sul seguente link:

Bonus Interview: Harry Bicket & Renée Fleming