ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto da oggi al voto, piazza Tahrir resta gremita

Lettura in corso:

Egitto da oggi al voto, piazza Tahrir resta gremita

Egitto da oggi al voto, piazza Tahrir resta gremita
Dimensioni di testo Aa Aa

È una giornata storica per l’ Egitto da oggi al voto per eleggere il nuovo Parlamento. Sono le consultazioni che chiudono dopo tren’anni l’era Moubarak, e aprono una nuova fase democratica all’insegna dell’ incertezza. I risultati saranno noti tra quattro mesi alla conclusione di tre turni elettorali, che oggi cominciano in un clima di tensione, per le contestazioni in Piazza Tahrir. I manifestanti puntano il dito contro il Consiglio militare al potere, ne denunciano i legami con il regime deposto, chiedono il passo indietro per rendere il voto credibile. Il ricorso alle urne in queste condizioni per molti, è inutile:

“Bisogna comunque partecipare a queste elezioni, rappresentano la sola soluzione a questa crisi” – afferma un manifestante, un’altra aggiunge: “Siamo contro tutte le decisioni prese dal consiglio militare, devono prima lasciare il potere in modo da poter fare ciò che è necessario per il paese”

Un’ istanza sostenuta da Mohamed el Baradei, propostosi come premier di un governo di unità nazionale. Ipotesi perdente dopo la decisione Amr Mussa, ex segretario della Lega araba, di aderire al consiglio consultivo, che aiuterà, il premier incaricato dai generali, a formare il governo che gestirà il potere fino all’esito delle presidenziali. E cioè almeno fino alla fine del prossimo anno.