ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo: sciopero generale, Paese fermo

Lettura in corso:

Portogallo: sciopero generale, Paese fermo

Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbe essere il più grande sciopero della storia portoghese: trasporti e servizi pubblici sono praticamente paralizzati in tutto il Paese, nelle prime ore del mattino la partecipazione sembrava massiccia e anche nel settore privato le adesioni non sembrano deludere le attese dei sindacati.

Lo sciopero è stato proclamato contro i tagli richiesti da Europa e Fondo Monetario, in cambio del piano d’aiuti da 78 miliardi di euro.

“Abbiamo indicazioni di una buona adesione nel Paese… Anche dalle aziende private stiamo ricevendo informazioni su una grande adesione, che è necessaria”

Naturalmente lo sciopero danneggia gli utenti, e non tutti sono d’accordo sull’idea stessa di uno sciopero in piena crisi. Ma i portoghesi dimostrano una certa pazienza.

“I lavoratori hanno il diritto di scioperare, ma naturalmente questo causa molti problemi… e ci sono molti manager che ne traggono vantaggio. Ma noto che non ci sono molte persone in attesa per i servizi pubblici”

Ampiamente preannunciata, l’agitazione ha colto pochi de sorpresa: anche all’aeroporto internazionale di Lisbona, dove qualche viaggiatore straniero è rimasto bloccato. Su 140 voli previsti dalla compagnia portoghese Tap, 121 sono stati cancellati. Mantenuti solo i voli per le isole Azzorre ed altri collegamenti vitali per il Paese.