Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

Sfiora il partito nazional socialista tedesco l’indagine sugli omicidi del kebab. Le teste di cuoio hanno arrestato un altro complice della cellula di tre neonazisti responsabile di una decina di vittime, tra le quali nove cittadini di origine turca.

L’uomo è sospettato di essere l’autore del Dvd con cui furono rivendicati gli omicidi. Suo fratello è tra i capi dell’organizzazione giovanile della Npd.

La perversione neonazista inquieta i tedeschi da quando l’incendio in una villetta nell’est ha fatto svelare materiale di propaganda e l’arma usata per gli omicidi, prima d’allora non connessi fra loro.

“I ministri dell’Interno confederale e regionale in Germania hanno corretto e addolcito le statistiche sui crimini – denuncia Memet Kılıç, deputato tedesco di origini turche – E le minacce di razzismo e i crimini razzisti sono stati registrati come insulti o controversie”.

Nei confronti dei due terroristi, suicidatisi di recente, e della loro compagna consegnatasi alla polizia, era stato emesso un mandato di cattura già nel 1998 che non era però stato eseguito dopo l’entrata in clandestinità del terzetto.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni