ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: opposizione incontra ministro Esteri britannico

Lettura in corso:

Siria: opposizione incontra ministro Esteri britannico

Dimensioni di testo Aa Aa

Il fuoco della diplomazia internazionale aumenta, ma resta poca cosa rispetto alle armi che Damasco continua a puntare contro i manifestanti i quali vogliono la fine del regime di Bashar Al-Assad.

I leader dell’opposizione siriana hanno incontrato il ministro degli Esteri britannico a Londra: “Evidentemente ho espresso la posizione che ribadiamo sin dall’estate” ha detto il ministro degli Esteri William Hague. “E cioè che il regime di Assad deve lasciare, miglior soluzione possibile per la Siria. Ma ho anche sottolineato l’importanza per l’opposizione di arrivare ad una piattaforma unica, ad un fronte unito” ha aggiunto.

Inviti altrettanto chiari si rinnovano di giorno in giorno dal mondo arabo: la fine delle violenze, la rinuncia al potere del Presidente Assad. A chiederlo è stato da Istanbul il Premier turco: “Se un leader ha fiducia in sè stesso” ha detto il Primo ministro Recep Tayyip Erdogan “se crede nelle sue capacità, convoca delle elezioni, tutti vanno a votare e se le urne ti portano al potere, governi e guidi il Paese. Ma puoi restare al potere coi carri armati e coi cannoni solo fino a un certo punto”.

Parole che arrivano contestualmente alla notizia dell’attacco, ad un check point lungo il confine turco-siriano, di 3 autobus di pellegrini. Due cittadini turchi e uno degli autisti sarebbero rimasti feriti.