ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Ungheria chiede aiuti finanziari a Fmi e Ue

Lettura in corso:

L'Ungheria chiede aiuti finanziari a Fmi e Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

C‘è lo spettro del declassamento dietro la richiesta di aiuti dell’Ungheria al Fondo monetario internazionale e alla Commissione europea. Il governo di Budapest ha inoltrato la domanda di finanziamento alle Organizzazioni internazionali solo in via precauzionale, dopo che i rendimenti dei titoli di stato decennali hanno raggiunto quasi il 9%.

Peter Kreko analista: “Era l’unica soluzione buona per il governo ungherese in questo momento di difficoltà nella vendita di obbligazioni. Dal punto di vista della politica interna si tratta del più grande fallimento del governo dal suo insediamento”.

L’ingresso di capitali dovrebbe rassicurare gli investitori, evitando al Paese il rischio di non riuscire a finanziare il deficit corrente. Pochi mesi fa il governo ungherese aveva preso le distanze dagli aiuti esterni, per paura di subire condizionamenti in politica interna.

“Si tratta di un cambiamento a 180 gradi. Mi ha molto sorpreso – commenta questa cittadina ungherese – Ero felice ad agosto della posizione del governo rispetto all’Fmi, sono delusa e non credo che finirà bene”. Già nel 2008 Budapest aveva fatto ricorso agli aiuti del Fondo monetario internazionale, ricevendo un prestito di 20 miliardi di euro che aveva consentito al Paese di evitare la bancarotta.