ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: guerriglia urbana ed elezioni a rischio

Lettura in corso:

Egitto: guerriglia urbana ed elezioni a rischio

Dimensioni di testo Aa Aa

Guerriglia al Cairo, a una settimana dalle elezioni, le prime dell’era post-Mubarak.

Almeno 40 i morti degli ultimi tre giorni, 1500 i feriti a Piazza Tahrir.

Cuore della rivolta egiziana, la piazza rilancia ora la protesta contro il regime militare: troppo lenta la fase di transizione, troppi gli arresti e i processi.

“Le nostre richieste e le esigenze della nostra generazione non si soddisfano con la violenza e proiettili”, spiega un dimostrante, “Sono un cittadino egiziano che ha diritto di vivere accanto ai suoi figli”.

Spari e lacrimogeni contro pietre e barricate, esercito schierato a protezione della zona dei ministeri: i disordini hanno infiammato le strade e i palazzi del Cairo e di altre città egiziane.

Un’ondata di violenza ha travolto anche la borsa egiziana che crolla del 4%.

I manifestanti esigono una legge che vieti agli uomini del vecchio regime di presentarsi alle legislative e protestano contro la mala organizzazione che rischia di farle saltare.

Un voto messo a rischio ulteriormente dal clima troppo incandescente.