ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rajoy: un successo maturato lentamente

Lettura in corso:

Rajoy: un successo maturato lentamente

Dimensioni di testo Aa Aa

Senza carisma ma tenace. Mariano Rajoy, il candidato del Partito Popolare, ha fatto della perserveranza un’arma politica, giocando su un’immagine rassicurante nella tempesta economica.

A 56 anni, questo veterano della politica spagnola ha saputo riunire attorno a sé la formazione conservatrice e portarla, alla fine, alla vittoria.

Nel 2004 Rajoy, candidato a succedere al compagno di partito José María Aznar come primo ministro, subisce una sconfitta – cocente perché inattesa – di fronte a uno Zapatero pressoché sconosciuto.

Una sconfitta mai del tutto accettata e che si verifica di nuovo nel 2008, quando Mariano Rajoy si ripresenta contro il premier socialista José Luis Rodriguez Zapatero.

Come capo dell’opposizione, Rajoy non dà tregua al governo socialista, in particolare a proposito dell’ETA. Nel 2006, denuncia il tentativo del governo di trattare: “Il messaggio che vogliamo mandare è che non si può negoziare né pagare un prezzo politico ai terroristi. E il più antico Paese d’Europa, con una popolazione di 44 milioni di persone – l’ottava potenza del mondo – non sarà sconfitto da una banda di criminali.”

Ma dopo il successo del PP alle elezioni locali, sentendo più vicina che mai la vittoria alle legislative, Rajoy addolcisce la sua immagine di conservatore duro e puro: “Questo partito in tutte le istituzioni in cui abbia responsabilità di governo – e, se gli spagnoli lo vorranno, anche nell’esecutivo nazionale – governerà per tutti.”

Durante la campagna elettorale, il capo del Partito Popolare ripete continuamente un solo messaggio, che mira ad allargare il più possibile il suo elettorato: “I nostri nemici e avversari sono la crisi economica e la disoccupazione e li sconfiggeremo. Mi impegno a essere coraggioso, al momento di governare. Coraggioso e prudente, due caratteristiche assolutamente conciliabili.”

Proponendosi come uomo di Stato, stringe un accordo con i socialisti per inserire nella costituzione la limitazione del deficit, e saluta l’annuncio dell’ETA sulla fine della violenza.

“Per la prima volta in 40 anni l’ETA ha detto che pone fine definitivamente alla sua attività criminale e questo è un dato positivo. L’unica road map che esiste è la legge e lo Stato di diritto e non c‘è nessun tipo di negoziazione.”

Più volte ministro, sposato e padre di due figli maschi, Mariano Rajoy arriva al vertice della sua carriera politica trenta anni dopo essere stato eletto per la prima volta.