ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: dalla Lega araba, tre giorni per fermare la repressione

Lettura in corso:

Siria: dalla Lega araba, tre giorni per fermare la repressione

Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di siriani filo governativi in piazza a Latakia, mostrati dalla televisione di stato mentre celebrano l’avvento al potere del padre di Bashar al Assad, 41 anni fa.

E protestano contro la Lega araba che ha sospeso la Siria e le ha dato altri tre giorni per fermare la repressione.

La pazienza ha un limite, hanno avvertito i ministri degli esteri arabi dal summit marocchino. Minacciano sanzioni economiche e invitano l’opposizione a preparare un piano per la transizione.

“Per evitare un intervento internazionale, ci siamo accordati su un protocollo relativo alla missione di una delegazione in Siria “, ha dichiarato Hamad bin Jassim, ministro degli Esteri del Qatar, “per sorvegliare l’applicazione delle decisioni della Lega Araba”.

Nelle ultime ventiquattr’ore, decine le vittime tra i civili che vanno ad aggiungersi agli oltre 3500 morti di 8 mesi di protesta.

Agli attacchi dei lealisti contro le sedi diplomatiche estere, i ribelli hanno risposto annientando una colonna di blindati.

Ormai organizzati nell’esercito siriano libero, i militari dissidenti hanno rivendicato anche l’attacco a un centro dei servizi segreti nei pressi della capitale e annunciato la creazione di un consiglio militare provvisorio.