ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La crisi del debito europeo si allarga alla Francia

Lettura in corso:

La crisi del debito europeo si allarga alla Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi dei debiti sovrani si estende dalla periferia al centro dell’eurozona, facendo tremare anche chi, fino a poco tempo fa, era considerato tra i primi della classe. E’ il caso della Francia. Le difficoltà di Parigi, ma anche quelle di Madrid, a collocare i propri titoli di stato presso gli investitori istituzionali, potrebbero preannunciare nuovi giri di vite.

Adam Myers, analista presso Credit Agricole, sostiene che la situazione in cui versa la Francia non sia preoccupante quanto quella di paesi come l’Italia, che hanno un rapporto debito-Pil più elevato. “Anche se la reazione dei mercati è esagerata – afferma – la politica deve dimostrare che è in grado di agire, questo è il vero banco di prova”.

Il differenziale tra i titoli di stato francesi e il bund tedesco ha raggiunto i 207 punti base, con un conseguente aumento degli interessi al 3,8%. Peggio sta la Spagna, con uno spread a 504 punti, mentre l’Italia è ormai arrivata a pagare interessi superiori al 7 per cento.

La Spagna, secondo la stampa di Madrid, si troverebbe in una situazione particolarmente delicata, a un passo dalla zona salvataggio, pochi giorni prima delle elezioni legislative che domenica potrebbero portare al governo il Partito Popolare.

Diversi analisti temono che qualunque nuova misura di austerità da parte di Spagna, Italia e Francia rischi di non essere sufficiente a rassicurare i mercati, se non sarà accompagnata da un’azione più decisa da parte della Banca centrale europea.