ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: prime reazioni al discorso di Papademos

Lettura in corso:

Grecia: prime reazioni al discorso di Papademos

Dimensioni di testo Aa Aa

All’indomani della presentazione al parlamento del programma del nuovo governo di coalizione, i quotidiani aprono tutti con il discorso di Lucas Papademos. Parole chiare, quelle del neo premier, senza possibili fraintendimenti.

Simili però a quelle del suo predecessore e che non lasciano intravadere la fine del periodo più difficile per i greci.

“È molto preparato sull’economia – dice una donna -ha detto le cose in un bel modo ma ha detto le stesse cose. Le stesse misure economiche ma presentate in un modo differente, forse migliore. Ha fatto delle aperture ma non ci ha convinti sul fatto che salariati e pensionati avranno un futuro migliore.”

“Credo che il premier – aggiunge un signore – abbia fatto bene a sollevare questioni che restano la nostra priorità. Certo, tutti i partiti politici devono sostenerlo, non solo a parole ma anche a fatti, in modo da uscire da questo difficile momento”.

Papademos ha annunciato che entro la fine del 2011 il deficit verrà ridotto al 9% del PIL. Prioritario lo sblocco della sesta tranche di aiuti, pari a otto miliardi di euro, che eviterà il fallimento del Paese a metà dicembre. Ma per il premier la strada si annuncia in salita: i conservatori di Nuova Democrazia hanno già dichiarato che non approveranno alcun ulteriore sacrificio, oltre a quelli concordati con l’Europa lo scorso 27 ottobre. Il voto di fiducia all’esecutivo è atteso per mercoledì.