ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Germania si interroga sulla banda dei killer neonazi

Lettura in corso:

La Germania si interroga sulla banda dei killer neonazi

Dimensioni di testo Aa Aa

A Berlino, davanti alla Porta di Brandeburgo, una piccola folla ha commemorato le vittime del gruppo armato neonazista che per anni aveva agito indisturbato coltivando il mito del Terzo Reich e l’odio verso gli stranieri immigrati.

Ora che, quasi casualmente, l’esistenza di questa cellula terrorista è venuta alla luce la Germania si interroga. Cern Ozdemir, uno dei leader del partito dei verdi e anche lui turco di origine come 8 delle 10 vittime chiede chiarezza. “Il paese deve interrogarsi e capire come sia stato possibile che queste persone abbiano agito senza venire prese per dieci lunghi anni. Ricordiamoci che dalla riunificazione ad oggi un centinaio di persone sono state uccise da estremisti di destra”.

Sui giornali spiccano i volti degli otto turchi molti dei quali proprietari di chioschi e negozi di kebab, del cittadino di origine greca e della poliziotta uccisa dai killer.

Il cancelliere Merkel ha esortato gli investigatori alla vigilanza e a investigare con la massima cura su quanto successo. Cosa che in passato non sembra sia avvenuta. C‘è addirittura il sospetto che il gruppo abbia potuto godere di complicità esterne. 2 dei killer sono stati ritrovati suicidi la scorsa settimana. Una loro complice ha dato alle fiamme il covo del gruppo dove sono state ritrovate armi e DVD propagandistici