ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'UE deve approvare nuove sanzioni contro la Siria

Lettura in corso:

L'UE deve approvare nuove sanzioni contro la Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa vuole congelare i beni per altre 18 persone vicine al regime del presidente siriano Bachar al-Assad. L’Unione europea alza la voce contro Damasco. L’Alto rappresentante per la politica estera, Catherine Ashton ne discuterà a Bruxelles con i ministri degli esteri europei.

“Non penso che la Libia e la Siria siano nella stessa direzione- ha dichiarato- i due paesi non sono uguali, è importante per me lavorare a stretto contatto con il segretario della Lega Araba, Nabil Al-Arabi che ha adottato una posizione molto forte, ed ha detto chiaramente alla Siria quello che deve succedere. E’ una situazione che dobbiamo osservare con molta attenzione”

Le nuove misure europee che devono essere adottate formalmente dai ministri europei giungono dopo la decisione della Lega Araba di sospendere la Siria e di ritirare gli ambasciatore arabi da Damasco, a causa della repressione di civili.

“Mi rallegro che la Lega Araba abbia preso una posizione di grande chiarezza e fermezza- afferma il ministro degli esteri francese Alain Juppé- “Ha tentato una mediazione che noi abbiamo sostenuto. La mediazione ha fallito difronte alle persecuzioni sanguinarie del regime di Damasco. Oggi è giunto il momento di proteggere maggiormente le popolazioni”.

Per il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle, anche l’Onu dovrebbe prendere una posizione chiara:

“Penso che coloro che avevano dubbi nel Consiglio di Sicurezza sulla necessità di avere una posizione ferma e una politica comune verso il regime di Assad, dovranno cambiare opione a causa della decisione della Lega Araba”.

L’Europa ha già preso sette serie di sanzioni contro il regime di Damasco, dall’embargo sulle armi a quello sul petrolio. Ora i ministri degli esteri dovrebberro congelare anche i prestiti della Banca europea degli investimenti in Siria. La pressione cresce sul regime di Assad.

Spiega l’inviata di Euronews, Fariba Mavaddat:

“Qualche tempo fa, l’alto rappresentante per la politica estera europea Catherine Asthon ha chiesto al presidente siriano di dimettersi. Oggi il Consiglio discuterà di nuove estenuanti sanzioni contro la Siria”.