ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi si dimette tra omaggi e insulti

Lettura in corso:

Berlusconi si dimette tra omaggi e insulti

Dimensioni di testo Aa Aa

Silvio Berlusconi se ne va in sordina: dopo 1284 giorni alla guida del governo e l’approvazione della legge di stabilità, ha rimesso il suo mandato nelle mani di Giorgio Napolitano.

Alla Camera, l’omaggio dei suoi. Tutt’altra atmosfera nell’opposizione e tra i cittadini, dopo l’annuncio formale del Quirinale: “Il presidente della Repubblica, nel ringraziarlo per la collaborazione”, ha dichiarato Donato Marra, segretario generale alla presidenza della repubblica, “si è riservato di decidere e ha invitato il governo dimissionario a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti”.

La piazza esulta, al suo breve e insolitamente silenzioso passaggio in macchina.

A salutare il premier più longevo della repubblica che lascia il paese in piena crisi, l’Alleluja di Haendel.

In mattinata le consultazioni per arrivare entro sera e prima dell’apertura delle borse a dare l’incarico a Mario Monti, che ha ricevuto il sofferto ok anche del Pdl.