ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: dirottatore traghetto aveva esplosivo

Lettura in corso:

Turchia: dirottatore traghetto aveva esplosivo

Dimensioni di testo Aa Aa

È durato una decina di minuti e si è concluso con cinque o sei colpi d’arma da fuoco il blitz delle teste di cuoio turche che hanno liberato il traghetto dirottato da un terrorista curdo del Pkk, rimasto ucciso.

Il ministro dell’Interno turco Idris Naim Sahin ha confermato che l’uomo era in possesso di un chilo e mezzo di esplosivo.

I passeggeri mostrano la sua foto, non avevano sospettato di nulla fino a quando il traghetto ha cambiato direzione.

“Le forze di sicurezza ci hanno contattato telefonicamente e i nostri amici li hanno fatti salire a bordo – spiega Kadir, uno dei passeggeri – Siamo rimasti lì in attesa e in silenzio. Sono andati al piano di sopra, erano 15 agenti”.

“Inizialmente ci ha trattenuto al piano superiore, ma poi siamo scesi senza che lui se ne accorgesse quando il commando è entrato – aggiunge un altro passeggero, Ceyhun Tezer – Lo hanno sopraffatto in dieci minuti”.

Il dirottamento è iniziato ieri pomeriggio nel Mar di Marmara. L’imbarcazione collegava Izmit ad un’altra città. Non ha trovato conferma l’ipotesi che il dirottatore volesse raggiungere Imrali, la vicina isola dove il leader del Pkk Ocalan sta scontando l’ergastolo

Il Pkk si batte per l’autonomia dei curdi che vivono in Turchia che rappresentano circa un quinto della popolazione.