ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Funzionario delle dogane accusa il ministro dell'Interno britannico: "Ha mentito"

Lettura in corso:

Funzionario delle dogane accusa il ministro dell'Interno britannico: "Ha mentito"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministro dell’Interno britannico Theresa may avrebbe mentito al parlamento per salvare il posto.

E’ la denuncia di Brodie Clark, responsabile della polizia di frontiera, costretto alle dimissioni dopo le dichiarazioni del ministro. Altri due suoi collaboratori sono ora sospesi dal servizio.

L’alto funzionario deplora che il ministro dqvqnti qi Comuni abbia scaricato su di lui la responsabilità dei controlli attenuati alle frontiere, e annuncia iniziative giudiziarie a tutela delle sue ragioni.

Il ministro May, dal canto suo, esclude di uscire di scena, e ribadisce le accuse a Clark.

“Porto la totale responsabilità delle mie decisioni e degli atti che sono collegati allo schema, ma Brodie Clark deve assumersi la responsabilità dei propri atti”.

Quindi non si parla di dimissioni?

“No”

Al centro dello scandalo l’interpretazione estensiva di una direttiva del ministro, che prevedeva controlli piu rapidi per i cittadini europei in entrata nel paese.

Per ridurre i tempi d’attesa, tuttavia, i doganieri avrebbero sistematicamente omesso di incrociare il chip biometrico delle persone in ingresso con la banca dati antiterrorismo.