ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia: Berlusconi non lascia la poltrona di premier

Lettura in corso:

Italia: Berlusconi non lascia la poltrona di premier

Dimensioni di testo Aa Aa

Silvio Berlusconi non si dimette. Dopo quasi un’ora di colloquio al Quirinale con il capo dello Stato Giorgio Napolitano, il premier resta al suo posto ma promette di lasciare il suo incarico una volta che la legge di stabilità finanziaria sarà approvata. Entro la fine del mese.

Qualche ora prima alla Camera dei Deputati aveva perso la maggioranza ottenendo solo 308 sì nella votazione sul rendiconto dello Stato. 321 le astensioni. E dopo il voto le opposizioni chiedono le dimissioni: “Se ancora si annida in lei – dice il segretario del PD Pierluigi Bersani – un briciolo di senso di responsabilità di fronte all’Italia, rassegni le dimissioni. Noi faremo la nostra parte per il Paese”.

Berlusconi, che ha definito traditori i deputati della maggioranza che non hanno votato, ha fatto sapere che non vede altra soluzione che elezioni anticipate.

Poi però aggiunge che toccherà al capo dello Stato decidere. Ma i tempi tecnici porterebbero gli italiani alle urne a fine gennaio, e l’effetto sull’economia e le finanze del Paese potrebbe essere devastante.

A Palazzo Grazioli in serata una cena tra Berlusconi e i fedelissimi. All’esterno di Montecitorio, invece

scatta la protesta.