ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Berlusconi al bivio. Verso il cruciale voto del rendiconto


Italia

Berlusconi al bivio. Verso il cruciale voto del rendiconto

Dal vertice di Palazzo Grazioli Berlusconi esce con la certezza di “avere i numeri”. Bersani e i suoi guardano però già avanti: per il pomeriggio a profilarsi è un’astensione “responsabile”, che consenta l’approvazione del rendiconto ma sottolinei che la maggioranza non c‘è e invii un segnale a Napolitano.

Poi il possibile affondo, con l’accelerazione dei tempi per una mozione di sfiducia.

A Berlusconi che prende tempo e rimanda al dopo-voto un nuovo punto con la Lega, Spread e piazze finanziarie tornano a rispondere con l’altalena.

“Non credo che la politica debba seguire i mercati – l’analisi per la stampa internazionale di Maurizio Caprara del Corriere della Sera -. In questo caso dobbiamo però difendere l’euro e il Paese. Sarebbe quindi auspicabile un esecutivo in grado di prendere le decisioni necessarie e di governare. Finché non sarà così, la situazione resterà incerta”.

Una conta dei voti sul filo del rasoio apre intanto ai più diversi scenari. Se nel Pdl c‘è chi suggerisce una “resa onorevole” che risparmi l’umiliazione della sfiducia, il Premier sembra al limite far suo il verbo del Carroccio e propendere per il voto anticipato.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Grecia: secondo giorno di negoziati su accordo politico