ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Austria: "l'Italia non si aspetti un aiuto esterno"

Lettura in corso:

Austria: "l'Italia non si aspetti un aiuto esterno"

Dimensioni di testo Aa Aa

Ricapitalizzazione delle banche europee, criteri per punire i paesi indisciplinati da un punto di vista finanziario. L’agenda dei ministri delle finanze europei è fitta ma dominata dalla critica situazione economica e politica in Italia. Deciso l’intervento del ministro delle finanze austriaco Maria Fekter:

“L’Italia sa bene che per le dimensioni del paese non puo’ aspettarsi un aiuto dall’esterno. Questo spiega i grandi sforzi di riforma intrapresi ora in Italia”

Al di là della crisi del debito, i ministri delle finanze dovranno cercare un’intesa sulla controversa tassa per le transazioni finanziarie che non piace a paesi fuori la zona euro, come Regno Unito e Svezia.

“l’Europa sta perdendo credibilità- dice il ministro delle finanze svedese Anders Borg- e la soluzione di cui si discute, la tassa sulla transazione finanziaria è un pessimo modo per cominciare. E’ un modo efficiente per ridurre la crescita economica, aumenterà i costi per ottenere credito per i paesi già indebitati”.

Non si aspettano risultati concreti da questa riunione, viste le partenze dei diretti interessati, assenti il ministro greco delle finanze e il ministro italiano Tremonti, rientrato d’urgenza a Roma.

Raquel Garcia Alvarez, euronews:

“Con il premio di rischio italiano vicino al punto di non ritorno che ha fatto scattare i piani di salvataggio per Irlanda, Grecia e Portogallo, non ci sono dubbi: le discussioni sulla situazione economica in Europa sono condizionate da quanto avverrà nelle prossime ore nel Parlamento italiano”.