ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Genova è ancora allarme, contestato il sindaco

Lettura in corso:

A Genova è ancora allarme, contestato il sindaco

Dimensioni di testo Aa Aa

Una bomba d’acqua ha messo Genova in ginocchio e il giorno dopo è polemica contro il sindaco, Marta Vincenzi, accusata di non aver chiuso tempestivamente scuole e uffici pubblici.

È di sei vittime, quattro donne e due bambine, il bilancio dell’alluvione che ieri si abbattuta sul capoluogo ligure, provocando l’esondazione di 3 torrenti. Su Genova – dicono gli esperti – si è scagliata una potenza d’acqua pari a 100 litri per metro quadrato.

“È assurdo – dice Giulia, una residente – C‘è un allarme e tu che fai? tieni aperte le scuole. Per cosa sono morte quelle madri? Perché erano andate a prendere i loro bambini a scuola. Se fossero rimasti a casa, non avremmo avuto tutti questi morti”.

In Liguria continua a piovere, le preoccupazioni principali riguardano le zone della provincia di La Spezia alluvionate la scorsa settimana.

A Borghetto Vara si scruta il cielo, ricordando il fango che ha travolto il paese il 25 ottobre. Nuovi fronti di frana sono caduti in luoghi dove si erano già verificati importanti smottamenti.

“Stiamo cercando di contenere, di capire come il terreno può assorbire, quindi gli scarichi se funzionano, eccetera eccetera”, spiega un soccorritore nella provincia di La Spezia.

La pioggia battente sta portando via il fango delle strade e rappresenta una forte minaccia per le decine di frane che ancora si trovano nella zona alluvionata.