ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Indignati a St. Paul: si dimette anche il decano

Lettura in corso:

Indignati a St. Paul: si dimette anche il decano

Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre la protesta degli indignati di Londra prosegue da due settimane, si dimette il decano di Saint Paul, Graeme Knowles, sotto accusa per aver chiesto lo sgombero delle tende dal sagrato della Cattedrale.

La settimana scorsa si era dimesso anche il canonico Gilan Fraser, in sostegno agli accampati.

Che non scalfiranno la borsa ma incrinano le certezze della Chiesa d’Inghilterra e la mettono di fronte alle sue contraddizioni.

“La Chiesa sta dalla parte della gente, dei suoi principi? Mette in pratica ciò che predica?”, chiede un manifestante, “Oppure è controllata dalla imprese e dalle élite che sponsorizzano le chiese?”.

“Ci sono a posizioni diverse in seno alla Chiesa”, commenta un’altra, “Molti cristiani e vicari da tutto il paese erano qui sabato a sostenere l’occupazione e fare un appello per il cambiamento. È un’opportunità storica per la chiesa per contribuire a cambiare la vita della gente”.

Duecento tende che sfidano l’autunno e le autorità della City e hanno fatto chiudere Saint Paul per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale, con una perdita di 20 mila sterline al giorno.