ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kyrgyzstan: ormai certa la vittoria di Atambayev

Lettura in corso:

Kyrgyzstan: ormai certa la vittoria di Atambayev

Dimensioni di testo Aa Aa

Un plebiscito: con il 62,8 percento dei voti, il premier moderato kirgyzo Almazbek Atambayev ha vinto al primo turno le elezioni presidenziali. I risultati, contestati però dall’opposizione, arrivano all’indomani di uno scrutinio cruciale per il Kyrgyzstan, un paese che dal 2005 a oggi è stato teatro di due rivoluzioni. Fondamentali, infatti, per la sicurezza della sua gente i risultati di queste elezioni.

“Ci aspettiamo stabilità e pace dal nuovo presidente” dice un cittadino. “Vogliamo che crei buone condizioni per il benessere economico del popolo. Con questo intendo dire non solo più lavoro, ma anche la fine di tutti i conflitti etnici. Dovrebbe infatti tentare di mettere uno stop alle guerre tra i popoli. Vogliamo che questo sia almeno il suo obiettivo”.

Dopo lo spoglio di oltre il 95 percento dei voti, Atambayev, 55 anni, dovrebbe quindi salire in carica, evitando il secondo turno. Difficile il compito che lo attende: il Kyrgyzstan è infatti un paese di cinque milioni di abitanti chiuso tra le montagne, dove due rivoluzioni mortali hanno colpito soprattutto la minoranza uzbeka nel sud del paese.