ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Qantas, premier teme danni per economia nazionale

Lettura in corso:

Qantas, premier teme danni per economia nazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Non solo i passeggeri, ma anche il governo australiano è stato preso in contropiede dall’annuncio di Qantas. La notizia è giunta al primo ministro Julia Gillard nel bel mezzo di un vertice dei leader del Commonwealth, molti dei quali hanno un volo prenotato con Qantas per domenica.

“Il rapido aggravarsi di questa crisi è una circostanza che potrebbe avere ripercussioni sull’insieme dell’economia nazionale”, ha detto il premier. Il suo governo non ha esitato a interpellare il tribunale del lavoro che si riunirà in via straordinaria e che potrebbe imporre alla direzione e alle parti sociali un’interruzione del conflitto.

Ai passeggeri bloccati negli aereoporti, non resta che sperare: “E’ davvero una delusione. Sono fiera di essere australiana, ma ho l’amaro in bocca. Non mi stupisce che in molti dicano di non voler mai più volare con Qantas”. “Per me è un disagio. Ma sostengo i lavoratori perché penso che stiamo perdendo la nostra compagnia aerea”.

La strategia dell’azienda contestata dai sindacati è quella di concentrare le attività nell’area Asia-Pacifico, dando vita anche a due nuove compagnie aeree e tagliando molte delle attuali lunghe tratte internazionali.