ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia, ancora sopravvissuti dalle macerie

Lettura in corso:

Turchia, ancora sopravvissuti dalle macerie

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ritrovamento di sopravvissuti, 3 giorni dopo il terremoto che ha colpito la Turchia, incoraggia i soccorritori a continuare le ricerche, anche se ogni minuto che passa le probabilità di successo diminuiscono. Oggi è stata la volta di una insegnante di 27 anni, estratta viva a Erciş dalle macerie della sua abitazione. Le sue condizioni sono molto gravi.

Il bilancio delle vittime del sisma di domenica è aggiornato a 461 morti e oltre 1300 feriti.

Il governo di Ankara ha ammesso che la reazione al terremoto, il più violento degli ultimi 10 anni in Turchia, è stata inizialmente troppo lenta. Ma ora la macchina dei soccorsi è a pieno regime.

Per riuscire a fornire un riparo a tutta la popolazione interessata ci vorrà però ancora del tempo.

“Ho 5 figli – dice un terremotato -. Siamo rimasti sotto la pioggia. Sono due giorni che attendiamo di avere una tenda. Ieri sono rimasto qui, inutilmente, dalle nove a mezzogiorno. Oggi sono qui di nuovo e non ho idea se arriverà il mio turno”.

Dopo averlo rifiutato per 2 giorni, il governo turco ha accettato l’aiuto internazionale. Container e prefabbricati giungeranno anche dall’ex alleato Israele, con cui i rapporti diplomatici sono recentemente entrati in crisi.