ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia: Ennahda, Hamadi Jebali candidato a primo ministro

Lettura in corso:

Tunisia: Ennahda, Hamadi Jebali candidato a primo ministro

Dimensioni di testo Aa Aa

Formare un governo entro un mese, a guidarlo il segretario generale di Ennahda. E’ l’obiettivo indicato da Rachid Ghannouchi, leader del partito islamico, vincitore delle storiche elezioni di domenica in Tunisia.

Ghannouchi ha lanciato la candidatura di Hamadi Jebali, detenuto per 16 anni sotto il regime di Ben Ali, spazzato via lo scorso gennaio dalla “rivoluzione dei gelsomini”.

Mentre sono ancora attesi i risultati definitivi delle elezioni, Ennahda ritiene di aver addirittura ottenuto il 40 per cento dei voti e si augura lo svolgimento di trattative con tutti coloro che hanno militato contro Ben Ali.

La seconda forza del Paese dovrebbe essere rappresentata dal Congresso per la repubblica, guidato da Moncef Marzouki. Ex presidente della lega tunisina per i diritti umani, Marzouki ha affermato di essere già impegnato in consultazioni con Ennahda. Ha aggiunto che il partito islamico “non è il diavolo” e che le libertà pubbliche e i diritti delle donne saranno difesi.

Dal canto suo Ennahda ha voluto lanciare un messaggio rassicurante ai mercati: Rachid Ghannouchi ha espresso la volontà di accelerare la crescita economica. Ha poi ha assicurato che non sarà introdotto nessun codice etico in Tunisia, Paese che attira milioni di turisti, in particolare sulla costa.