ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia in festa. Da Tripoli a Misurata.

Lettura in corso:

Libia in festa. Da Tripoli a Misurata.

Dimensioni di testo Aa Aa

La strada è ancora lunga, ma la primavera araba dei libici puo’ dirsi compiuta. Da Sirte a Tripoli è esplosa la gioia: festeggiano gli insorti dopo mesi di violenti combattimenti, festeggia il popolo al grido di Allah è grande. Scene già viste, ogni volta che veniva liberata una città. Questa volta la vittoria è definitiva. Come dire: che la fine del regime in Libia sia un esempio anche per la Siria.

“ Vogliamo mandare un messaggio a Bashar Al Assad: se ha visto quanto è accaduto a questo dittatore. E’ importante, potrebbe trarre una grande lezione da questo”.

“ E’ il giorno piu’ bello della mia vita ma non perchè lo abbiamo ucciso. Dio solo sa chi era Gheddafi, un assassino di donne e bambini, un ladro, un distruttore”.

“ E’ una giornata indimenticabile nella storia del mondo arabo, da ovest a est. Salutiamo tutti i rivoluzionari e più precisamente quelli di Misurata che hanno catturato il tiranno in questo giorno speciale”.

La bandiera della nuova Libia ora campeggia ovunque. A Misurata, città simbolo della rivoluzione e roccaforte degli insorti, la gioia è incontenibile.

Per tutta la notte c‘è chi ha ballato per strada con i mitra in pugno e chi ha festeggiato al suon di clacson. Per tutto il Paese si tratta di una transizione storica. E oggi smaltiti i festeggiamenti tutti dovranno fare i conti con la nuova realtà.