ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sirte, l'ultima caduta del regime

Lettura in corso:

Sirte, l'ultima caduta del regime

Dimensioni di testo Aa Aa

Sirte ultima roccaforte. La definitiva conclusione del regime di Gheddafi doveva passare da qui, dalla sua immagine calpestata nella città dove era nato e dove era venuto a nascondersi dopo aver dovuto abbandonare Tripoli.

La festa che già aveva attraversato la Libia da est verso ovest è giunta fino a qui la mattina del 20 di ottobre.

L’ultimo capitolo di una rivolta cominciata a febbraio, che ha cambiato marcia dopo l’intervento della Nato. I cui effetti si vedono nelle macerie che si incontrano attraversando la città.

Porto commerciale e di pesca sulla sponda meridionale del mar Mediterraneo, utilizzato sin dall’antichità, situato a 360 km a est di Tripoli, Sirte contava 120mila abitanti prima dei bombardamenti che l’hanno colpita.

La vittoria finale dei ribelli era nell’aria: i lealisti erano confinati ormai in un solo quartiere.

La città era sotto assedio già da settembre, quando era scaduto l’ultimatum dato a Gheddafi per arrendersi.