ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Declassamento Spagna aumenta pressione sull'Ue

Lettura in corso:

Declassamento Spagna aumenta pressione sull'Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

Il declassamento della Spagna da parte di Moody’s aggiunge nuova pressione sui paesi europei, in evidente difficoltà a reagire alla crisi del debito sovrano nei modi e nei tempi auspicati dai mercati.

L’iniziativa dell’agenzia americana segue quelle, analoghe, di Standard & Poor’s e Fitch e rappresenta un duro colpo per Madrid, dove è già stata varata una manovra “lacrime e sangue” che stenta, però, a convincere.

“Nel sistema finanziario – sostiene l’economista Juan Maria Concha – l’importante non è avere denaro, ma avere la fiducia degli investitori. Se le agenzie di rating dicono agli investitori che non sei affidabile, la situazione può diventare molto complicata. E di conseguenza il debito pubblico del paese crescerà in modo significativo”.

Oltre che sulla Spagna, all’inizio del mese la scure di Moody’s si è abbattuta anche sull’Italia. Ma nel mirino c‘è pure la Francia, che rischia di perdere la tripla A che le permette di indebitarsi sui mercati finanziari a condizioni molto favorevoli.

Nei prossimi tre mesi, Moody’s sorveglierà i progressi del governo di Parigi per mettere in atto le misure di riduzione del deficit di bilancio. Se le prospettive di stabilità dovessero essere riviste al ribasso, scatterebbe il declassamento.

Le speranze dell’eurozona sono riposte nel vertice europeo di domenica. Sarà quella l’occasione per dimostrare che il contagio può essere fermato.