ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vietati medicinali ricavati da distruzione embrioni umani

Lettura in corso:

Vietati medicinali ricavati da distruzione embrioni umani

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corte di giustizia dell’Unione Europea ha stabilito il divieto di brevettare farmaci ricavati da cellule staminali con procedimenti che comportano la distruzione di embrioni umani. I giudici si sono pronunciati su un trattamento per combattere il morbo di Parkinson di un ricercatore tedesco.

La sentenza si basa su un concetto più ampio di embrione umano, che secondo la Corte deve essere allargato anche ad alcuni casi di ovuli non fecondati.

Ad avviare la causa era stata Greenpeace contro il professor Oliver Brustle, che nel 1997 aveva brevettato una cura che utilizza cellule staminali embrionali umane allo stadio iniziale, a circa 5 giorni dalla fecondazione.

Il medico si era appellato contro l’annullamento della registrazione da parte dell’Ufficio Brevetti, che aveva dato ragione a Greenpeace, sostenendo che non si poteva parlare di embrioni umani in una fase così precoce.